Crea sito

Categorized | Esteri

Presidenziali e scandalo Clinton: cosa c’è dietro l’inchiesta delle mail?

Posted on 01 novembre 2016

si sta sgretolando la credibilità delle èlites occidentali

 

abedin-clinton-int02f3bis_324454f1_-034-k00e-u43220410720526vfd-768x576corriere-tablet

Che l’Fbi decida di riaprire una inchiesta su un candidato alla Casa Bianca a dieci giorni dal voto, non è cosa che abbia precedenti ed è ancor più strana ove si consideri che la cosa colpisce la candidata dell’establishment contro il “populista” Trump. Che succede?L’Fbi, per caso, si è convertita al verbo di Trump?

In effetti il capo dell’Fbi è un repubblicano che ha avuto atteggiamenti poco amichevoli verso la Clinton, però questo accadeva al momento delle primarie, dopo sembrava esserci stata una sorta di tregua. Peraltro, l’intero partito democratico si è stretto a quadrato intorno alla candidata ed ha attaccato il capo dell’Fbi accusandolo di tacere. Ma forse le cose non stanno in modo così semplice.

A quanto pare, Wikileaks (qualcuno indica altri) stava per uscire con nuove rivelazioni sulla questione delle mail della Clinton (le ultime risalgono al 7 ottobre), a quel punto, il passo successivo sarebbe stato quello di accusare l’Fbi di aver cercato di insabbiare tutto e sarebbe stato un doppio scoop. E forse i riflessi per la campagna della Clinton sarebbero stati anche peggiori. In questo modo si brucia lo “scoop” di Wikileaks, si fa fare all’Fbi la figura dell’intransigente corpo di polizia che non guarda in faccia a nessuno e magari si tiene l’inchiesta sostanzialmente ferma per un paio di settimane, per guadagnare qualche indulgenza da parte della Clinton se dovesse vincere e giovarsi dell’istituto dell’irresponsabilità presidenziale che bloccherebbe tutto, essendo poco probabile una messa in stato d’accusa votata dal Senato. Vedremo se andrà così.

Intanto però c’è da chiedersi chi ci sia dietro questo  scoop sulle mail della Clinton. In fondo, intercettare le mail del segretario di Stato degli Usa non è una impresa da ragazzini scapestrati che giocano a fare gli hacker. E qui il dubbio più facile ha un nome solo: Putin. Che Mosca punti su Trump è cosa nota e, peraltro, spiegabile. La Clinton ha fatto dichiarazioni molto bellicose a proposito della Siria che non devono essere state gradite al Cremlino. Peraltro, l’impresentabile Trump avrebbe molti vantaggi per i russi: debolissimo quanto a prestigio internazionale, dilettante allo sbaraglio, inviso alle minoranze nazionali del paese ma, soprattutto, a gran parte dei poteri forti interni ed esterni allo Stato (da Wall Street alla Cia ed al Dipartimento di Stato). Sarebbe un presidente virtualmente invalidato dagli apparati della Casa Bianca che gli opporrebbero una resistenza sorda ma tenace. D’altro canto, gli stessi apparati non potrebbero spingersi oltre più di tanto con un Presidente che non si fa portatore di una linea concordata e gli Usa sarebbero un gigante paralizzato dalle sue contraddizioni.

Calcolo impeccabile che troverebbe la simpatia anche di uno come me che pensa che il disastro degli Usa sarebbe un avvenimento da celebrare a champagne, se non fosse che mettere i giocattoli nucleari nelle mani di un pazzo furibondo di quella fatta è cosa da non dormirci la notte. Non so sino a che punto il Presidente degli Usa possa davvero schiacciare il bottone rosso da solo e senza che altri possano fermarlo, magari a Trump daranno una scatola nera fatta con il Lego, ma, francamente, non mi pare il caso di far la prova.

Ovviamente, non è probabile che gli americani si tengano questo schiaffo in viso senza reazioni e, dopo l’8 novembre, c’è da attendersi che la prima misura della Casa bianca sia una qualche rappresaglia.

In ogni caso, la situazione attuale è un segnale evidentissimo della delegittimazione delle istituzioni politiche americane ed occidentali in genere. Il fatto stesso che un personaggio indecente come Trump arrivi alla candidatura alla Presidenza e che la sua antagonista inciampi in una vicenda come quella delle mail è di una gravità senza precedenti.

Sbalordisce anche la leggerezza della Clinton nell’uso di un mezzo quasi certamente intercettato come la sua mail (o pensava che a lei questo non sarebbe mai accaduto?!), dice a che livelli sia scesa la classe politica americana. Immaginiamo ora se dovessero emergere cose tali da imporre l’ineleggibilità della Clinton: che si fa? Anche se lei si ritirasse magari in favore del suo vice, sarebbe una prassi del tutto inconsueta e di dubbia costituzionalità (a questo pensava Trump quando si diceva non disponibile a riconoscere il risultato, segno che qualcuno lo aveva avvertito della bomba in arrivo). E se poi questo succedesse il giorno dopo le elezioni e prima dell’insediamento o anche solo prima del voto dei grandi elettori? Non ci sono precedenti ed è evidente che la Corte Suprema dovrebbe intervenire. Sarebbe la crisi istituzionale più grave dalla guerra di secessione in poi. Ed anche questo non dovrebbe dispiacere più di tanto agli amici russi.

Forse siamo alla viglia di un terremoto, ma già da adesso possiamo osservare come si stia sgretolando la credibilità delle èlites occidentali, tendenza che va ben oltre il singolo caso in questione.

Aldo Giannuli, http://www.aldogiannuli.it/presidenziali-americane-scandalo-clinton/

Comments are closed.

Blog di aqiva su Google+

SeguiIn campo

Archivi

In campo sui Social Network

In campo su Google+

giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

SeguiIn campo

In campo su Google+