Crea sito

Categorized | Politica

Chi ci ha tradito e chi ci sta tradendo, di Alberto Bagnai

Posted on 02 novembre 2016

renzi_traditore

domenica 30 ottobre 2016

Il tema del tradimento della sinistra (genitivo soggettivo) ormai è entrato nel dibattito, tant’è che cominciano a parlarne intellettuali riconoscibili come “de sinistra” dalla sinistra di sinistra. Ci siamo lasciati dietro le spalle quelli che vaneggiavano sulla natura “non politica” della categoria di tradimento, in quanto categoria “soggettiva e non oggettiva”… Poveracci che, volendo fare sfoggio di approfondita cultura politica, mostravano solo di ignorare le basi della cultura occidentale. Una ignoranza tattica, naturalmente, volta solo a evitare quella cosa veramente di sinistra che da tempo sto chiedendo e che ora sembra arrivare, con un pochino di ritardo: l’autocritica (si veda qui il punto 3).

Ma la storia, i cui processi sono, in effetti, oggettivi, non aspetta che le fragili soggettività individuali si rendano conto della necessità di un atto di coraggio, di un’assunzione di responsabilità (come quella fatta da D’Attorre pochi giorni or sono sul Fatto Quotidiano), e tira dritto.

Ed è appunto in questo tirare dritto, nell’oggettività dei processi storici, che si materializza l’oggettività del tradimento.

Mi spiego meglio: vi ricordate di quelli che “la svalutazione schianta la vedova e l’orfano e quindi restiamo dentro l’eurone che ci protegge”? Quanto ho fatto, qui, per far capire la natura stolta e dilettantesca di queste affermazioni! Avevamo cominciato il 25 aprile di quattro anni fa, e poi battuto e ribattuto su questo argomento, ad esempio nella serie delle leggende metropolitane (la trovate elencata in calce a questo post). Ma non è servito a nulla. Indisturbati da parte dei politici di riferimento, pochi colleghi privi di scrupoli hanno continuato a fornire dati in contrasto con l’evidenza fattuale, terrorizzando soprattutto il sindacato rispetto alle conseguenze di una possibile uscita.

Perché soggettivamente l’abbiano fatto non lo so, posso solo supporlo. Ma quale sia stato oggettivamente il risultato lo vedete: il sindacato è ancora compattamente eurista, e per difendere l’euro ha accettato il jobs act, fra le altre cose, anche perché gli era stato detto da persone prive di scrupoli e di etica professionale che l’alternativa sarebbe stata un’inflazione al 20%.

Ora, il punto è che chi, con la solfa dell’uscita a sinistra, ha terrorizzato i sindacalisti, paralizzandone l’azione, ha oggettivamente comprato tempo coi soldi dei lavoratori per regalarlo al capitale. La vera uscita a sinistra, infatti, non è quella che propone Tizio che si sveglia nel 2014, scopiazzandola da un libro pubblicato nel 2012. Direi proprio di no. La vera uscita a sinistra è quella che avviene prima. Prima di cosa? Prima e basta. Perché finché continuiamo a comprare tempo da una posizione di debolezza, il poi per noi sarà sempre peggiore.

Secondo voi, sarebbe stato più “di sinistra” uscire prima del Jobs act, o dopo il Jobs act? Chiaro che nel mondo di poi, cioè posteriore al jobs act, i datori di lavoro hanno in mano uno strumento di ricatto che prima non avevano. Quindi, non ci sono santi: in queste condizioni è perfettamente ovvio che una uscita avrà effetti meno favorevoli ai lavoratori di quelli che avrebbe avuto nelle condizioni precedenti.

Del resto, noi qui lo sappiamo bene: la rigidità del cambio serve proprio ad accumulare tali tensioni sulla competitività da rendere credibile il messaggio di chi ci chiede (ma in realtà ci impone) di fare un “ultimo” sacrificio smantellando qualche altro pezzetto di stato sociale.

Il punto è che questi effetti sono largamente irreversibili. La crisi del 1992 è servita a rasare completamente la scala mobile e a introdurre la concertazione. Vi risulta che dopo lo sganciamento si sia tornati indietro? No.

E sapete perché?

Perché c’è un altro aspetto perverso, il più subdolo, il più disgustoso, il più vile, il più ributtante, del raccontino di quelli che “bisogna uscire a sinistra altrimenti sarà una catastrofe”. E siccome nessuno ve lo ha fatto notare, ve lo faccio notare io, che sono qui per questo. Siccome la catastrofe che i cialtroni paventano non ci sarà, le persone ricominceranno a vivere meglio in termini assoluti (gli entreranno più soldi in tasca), e quindi, fatalmente, si disinteresseranno di come stiano andando le cose in termini relativi, cioè di lottare per avere la loro giusta quota del prodotto nazionale, e le istituzioni che la tutelano.

Capite? Ma c’è poco da capire: è già successo (nel 1992).

Un conto è dire: “sarà una catastrofe, recessione dell’80%, inflazione del 30%…”. Chi agisce così è fascista due volte: la prima perché vuole mantenere una situazione nella quale è avvantaggiato solo il grande capitale, e la seconda perché contribuisce involontariamente (ma oggettivamente) a creare la sensazione fasulla che con l’uscita, visto che la catastrofe non ci sarà, sarà risolto tutto.

Insomma: è fascista due volte chi vi chiede di lottare ora per mantenere il sistema che vi opprime, e oggettivamente contribuisce ad illudervi che non sarà necessario lottare dopo, quando questo sistema continuerà a cercare di opprimervi.

Un altro conto è dire, come facciamo qui: ci sono delle criticità, naturalmente, ma sono gestibili e il problema non è il durante, il problema è il prima (in cui non possiamo lottare, perché inseriti in un contesto istituzionale che non lo permette) e il dopo (in cui dovremo lottare, sfruttando ogni centimetro che l’arretramento del grande capitale ci lascerà, senza lasciarci fuorviare dal mancato verificarsi delle previsioni catastrofistiche dei cialtroni).

Ecco.

Vi ha tradito chi non ha fatto abbastanza per far maturare la coscienza, che qui è stata limpidissima e coerente fin dal primo momento, della necessità di un cambiamento. Vi sta tradendo chi prospetta catastrofi, perché oggettivamente coopera a farvi abbassare la guardia nella fase più delicata: quella della gestione del cambiamento.

Ricordateli nelle vostre preghiere, come io faccio nelle mie, e guardate con attenzione al futuro.

 

Comments are closed.

Blog di aqiva su Google+

SeguiIn campo

Archivi

In campo sui Social Network

In campo su Google+

settembre: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

SeguiIn campo

In campo su Google+